Iblaw - Studio Legale Prato e Firenze | Cassazione civile, Sez. VI-L., ordinanza 31 agosto 2021, n. 23591
1055
post-template-default,single,single-post,postid-1055,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Cassazione civile, Sez. VI-L., ordinanza 31 agosto 2021, n. 23591

Cassazione civile, Sez. VI-L., ordinanza 31 agosto 2021, n. 23591

TFR?

Se il datore di lavoro non è fallibile, come si fa ad ottenere il pagamento dal Fondo di Garanzia?

Una importante e recentissima sentenza detta i criteri per procedere alla richiesta e al relativo accoglimento.

Il lavoratore, creditore del trattamento di fine rapporto nei confronti di datore di lavoro non soggetto a fallimento, per poter chiedere il pagamento del trattamento al Fondo di garanzia istituito presso l’INPS, è tenuto a verificare la mancanza o l’insufficienza della garanzia del patrimonio del datore di lavoro attraverso un serio tentativo di esecuzione forzata e, qualora, eseguita infruttuosamente una forma di esecuzione, si prospetti la possibilità di ulteriori forme di esecuzione, è tenuto ad esperire quelle che, secondo l’ordinaria diligenza, si prospettino fruttuose, mentre non è tenuto ad esperire quelle che appaiano infruttuose o aleatorie, allorquando i loro costi certi si palesino superiori ai benefici futuri, valutati secondo un criterio di probabilità (Cassazione civile, Sez. VI-L., ordinanza 31 agosto 2021, n. 23591).

http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snciv&id=./20210831/snciv@s6L@a2021@n23591@tO.clean.pdf

No Comments

Post A Comment